Prosegue la nostra intervista a Orlando Izzo. Questa volta gli abbiamo fatto una domanda un po’ più tecnica sul suo progetto VIB – Vibrations in body: “La perfomance può essere messa in scena ovunque o ci sono degli spazi più adatti ad accoglierla?”